Ricerca rapida






Il tuo percorso: Ti trovi qui -> Home > Uffici e servizi > Avere una famiglia > Riconoscere un figlio naturale

Riconoscere un figlio naturale

Un figlio si dice naturale quando è concepito da genitori non coniugati tra loro.

Per essere riconosciuto come naturale, i genitori, al momento della nascita, devono presentarsi entrambi all'Ufficiale di Stato Civile o del Comune di nascita o del Comune di residenza di uno di essi, o presso la Direzione sanitaria dell'Ospedale dove è avvenuto il parto, per rendere la dichiarazione di nascita e contemporaneamente il riconoscimento di paternità e maternità.

Il bambino può essere riconosciuto anche da un solo genitore, quando l’altro genitore rifiuti il riconoscimento; in tal caso il solo genitore che dichiara la nascita del figlio, lo riconosce come tale cioè suo figlio naturale; in questo caso il figlio assume il cognome del genitore che l'ha riconosciuto per primo.

Il riconoscimento di un figlio può essere fatto:

  • prima della nascita;
  • in occasione della dichiarazione di nascita
  • successivamente alla nascita
  • con il matrimonio.

Il riconoscimento può essere fatto soltanto da genitori che abbiano compiuto 16 anni.

Cognome del figlio riconosciuto

Regola generale:

Il figlio naturale assume il cognome del genitore che per primo lo ha riconosciuto.

  • Riconoscimento contestuale (entrambi i genitori, nello stesso atto) il figlio assume il cognome del padre.
  • Riconoscimento paterno successivo a quello materno: il figlio può assumere il cognome paterno, aggiungendolo o sostituendolo a quello materno. Tuttavia, se il figlio riconosciuto è minorenne, la decisione circa l’assunzione del cognome spetta al Tribunale per i Minorenni competente per territorio di residenza dello stesso figlio minore.

 

Documentazione da presentare

Alcuni documenti vengono richiesti d'ufficio, altri dovranno essere consegnati dagli interessati all’Ufficiale dello Stato Civile

Note

 Per i riconoscimenti prima della nascita e successivi alla nascita si deve prendere appuntamento con l'Ufficiale di Stato Civile che deve richiedere i documenti necessari e preparare l'atto.

Cittadini stranieri

Devono presentare un documento di identificazione ed in caso di riconoscimento (disgiunto) di figlio naturale, una dichiarazione della loro ambasciata o consolato debitamente legalizzata da cui risulti che, in relazione dell’applicazione del diritto internazionale privato, nulla osta al riconoscimento secondo la legge nazionale del proprio Paese.

Normativa di riferimento

  •  Codice Civile (art. 250 e segg.)
  • D.P.R. N. 396/2000 Ordinamento di Stato Civile
  • D.M. 27.02.2001
  • Formulario D.M. 5.4.2002
  • Circolari